Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

  • annuario 2018
  • top-home-oscar
  • home-una-vita
  • annuario2017
  • top-home
  • annuario2016

IL SUCCESSO DELLE "DISCROMIE ARCHETIPE" DI MINA CAPPUSSI

minacappussilibreriaMIBAC24

testo e foto di Roberta GULOTTA

dettagliofinestraMIBAC16Si è svolta nella splendida cornice del Ministero dei Beni Culturali Mibac  (a pochi passi dal Parlamento Italiano) in  Via del Collegio Romano e precisamente nella bellissima "Sala della Crociera", l'inaugurazione di “DISCROMIE ARCHETIPE" DI MINA CAPPUSSI, ove la letteratura, il brusio della storia, le scaffalature originarie seicentesche, i volumi antichi, gli affreschi, i legni torniti e volute dorate, hanno incontrato l'arte figurativa di Mina, giornalista d'eccezione, donna dalla spiccata sensibilità che affacciata da pochissimo al mondo dell’arte, vanta già numerosi successi nel campo, tra questi la selezione riservata a 12 artisti con esposizione in permanenza, presso il Museo MACIA di Arte Contemporanea di SAN JOSÈ DI COSTA RICA, la selezione per PREMIO EXPO BOLOGNA 2014 con inaugurazione il 23 gennaio 2015 a cura del Prof. Philippe Daverio, Call for Artists Dave Bown Project - USA, Premio Expo Bologna V Edizione, selezionata per Art Expo New York 2015, Mostra presso l’Ateneo delle Arti e delle Scienze in Bergamo Alta, Auditorium Isernia, Palazzo Ducale di Torrevecchia Teatina. 

Ospitata dal dicastero simbolo dei Beni Culturali del Bel Paese, Mina Cappussi fa parte dei 20 artisti recensiti da GIORGIO MONDADORI nella pubblicazione curata da Giammarco Puntelli sugli ARTISTI CONTEMPORANEI DEL NUOVO RINASCIMENTO, Movimento del Metateismo fondato da Davide Foschi .ambientebibliotecaMIBAC16

Giornalista, scrittrice, poetessa, curatore del Dizionario Enciclopedico delle Migrazioni Italiane nel Mondo, Mina Cappussi comunica il suo sentire attraverso opere visionarie, oniriche dai colori vivaci, ambientazioni quasi tribali ma al contempo fiabesche, dove Fate di chi sa quali boschi effettuano danze fluttuanti, un legame forte con la natura e gli animali, un movimento che nulla lascia al caso ma è frutto di una consecuzione logica di armonie che seguono il flusso creativo ed empatico dell'artista. Femminili le figure che sembrano celarsi ma al contempo hanno voglia di farsi scoprire, una voglia di essere rivelati dal profondo dell'animo, una sorta di apparente pudore, perchè in fondo ogni artista mettendo in opera la propria idea, si denuda del proprio pensiero al giudizio di chi infine guardando il suo lavoro, ne contempla e ne osserva lo spirito mettendolo a nudo. 

In ogni quadro si dischiude, svela e manifesta una fiaba che l'artista espone e racconta attraverso la sua tecnica, una nuova magia per ogni opera. Tanti gli ospiti illustri del mondo dell'arte e della cultura che hanno accolto l'invito. 

La mostra resterà aperta fino al 31 dicembre e costituisce l’ultima occasione per ammirare la bellissima sala della Crociera, che poi chiuderà per interventi di restauro. La mostra è visitabile gratuitamente, previa esibizione di un valido documento di riconoscimento per il rilascio del PASS del Ministero.  

Orari mostra: mercoledì 17 dicembre  ore 9:30 - 17:00, giovedì 18 dicembre ore 9:30 - 13:30, lunedì 22 ore 9:30 - 13:30, e lunedì 29 dicembre.

  • banner fabbricanti oro
  • banner 130x65 noassociati
  • bannercuktural news
  • banner-christie

© 2001-2015 ANNUARIO DEL CINEMA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Centro Studi di Cultura, Promozione e Diffusione del Cinema
Presidente Alessandro Masini
Corso di Francia 211 - 00191 Roma
P.IVA 04532781004

La Direzione stabilisce insindacabilmente di inserire, rimuovere, oscurare, modificare, immagini e testi dal sito, a propria discrezione.

Informativa sull'utilizzo dei Cookies