Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

  • annuario2016
  • annuario2017
  • home-una-vita
  • top-home-oscar
  • top-home
  • top-home-annuario-green

CUCINIELLO (ANEC): I CINEMA ITALIANI? “BELLI E IMPOSSIBILI”

“Le nostre sale rischiano di essere belle e impossibili”. Lo ha sostenuto oggi Luigi Cuciniello, presidente ANEC, al convegno ANICA “Il futuro urbano dei cinema”, in riferimento a vincoli, tassazioni e storture che gravano sui cinema in Italia. “Le sale indipendenti che ANEC rappresenta – ha esordito Cuciniello – raggiungono quasi 2500 schermi di 800 piccole e medie imprese; un patrimonio importante dal punto di vista economico e sociale del nostro paese”. Ma queste sale sono oggi in difficoltà, in primo luogo per una serie di storture sul mercato, “di cui dialoghiamo con ANICA, con cui speriamo di lavorare in futuro di più e meglio”. Tra queste quella rappresentata dalla stagionalità che, ha ricordato il presidente degli esercenti, “non è più solo quella relativa all’estate, un periodo ancora avaro di prodotto, ma anche ormai a Natale, che di contro, come abbiamo visto quest’anno, ha avuto un eccesso di offerta, che ha portato un affollamento di film nei cinema italiani”. Cuciniello ha poi accennato alle tante sfide che attendo il settore cinematografico: dalla pirateria alle nuove piattaforme, fino al tentativo di rivedere le windows, di fronte alle quali la sala resta “al centro nella costruzione della reputazione degli autori e dei film”. Su questo punto, il presidente ANEC ha ricordato il caso dell’esordio di Paolo Sorrentino, L’uomo in più, “film uscito quasi vent’anni fa in poche sale che però segnò il punto di partenza di una carriera importante di un autore che oggi che ci invidiano in tutto il mondo”.

Analizzando il tema del convegno, Cuciniello ha posto l’accento sui problemi legati ai centri cittadini “come i vincoli urbanistici e architettonici, pesanti e difficili da superare. Le nostre sono, sempre di più, sale belle e impossibili. Tali vincoli si sommano infatti a una tassazione impossibile da sostenere che sta strangolando molti cinema che hanno un tasso di redditività per metro quadrato bassissimo. C’è un serio problema di sostenibilità”.

Sul tema della nuova legge sul cinema voluta da Franceschini, Cuciniello ha sottolineato le potenzialità di una legge su cui l’associazione è impegnata per proposte sui decreti attuativi: “Per la prima volta ci sono risorse per sale nuove ed esistenti; stiamo lavorando per un riequilibrio delle stesse a vantaggio delle piccole e medie imprese. È importante realizzare nuove sale ma anche evitare le cannibalizzazioni dove le sale già ci sono”.

  • banner fabbricanti oro
  • banner 130x65 noassociati
  • bannercuktural news
  • banner-christie

© 2001-2015 ANNUARIO DEL CINEMA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Centro Studi di Cultura, Promozione e Diffusione del Cinema
Presidente Alessandro Masini
Corso di Francia 211 - 00191 Roma
P.IVA 04532781004

La Direzione stabilisce insindacabilmente di inserire, rimuovere, oscurare, modificare, immagini e testi dal sito, a propria discrezione.

Informativa sull'utilizzo dei Cookies