Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

  • top cover
  • home-una-vita

IN "REFOLO" QUINDICI POESIE DI ROBERTO ONORATI

copertinarefolo6In fondo che cos'è la poesia? Dal tempo delle rime baciate che appartenevano anche al Sommo Poeta, quest'arte ha subìto grandi trasformazioni, si è fatta più profonda e descrittiva, ma anche più morbida e delicata, niente più rime, non sono obbligatorie, la poesia fuoriesce dall'anima dell'autore per ricordare, descrivere, spiegare a volte, comunicare sempre. 

E quanto più il Poeta riesce a trasmettere i suoi pensieri e sentimenti al Lettore - il più delle volte sconosciuto - tanto più la sua opera ha raggiunto lo scopo universale di dire e di dare agli altri un po' di sé. Anche se non è sempre così, si scrivono poesie anche e soprattutto per se stessi, ma poi non si può fare a meno di regalarle.

E' quello che ha fatto Roberto Onorati in "Refolo" (Aletti Editore), in cui è presente in una sorta di "collettiva" poetica insieme a Nicola Dell'Acqua, Alessandro Giusti, Sandra Pantellini, Laura Tosi, Vincenzo Turba.

Onorati si presenta così: "Sono nato a Roma da famiglia mittel italiana con derivazioni lucane, pugliesi e campane. Mi occupo prevalentemente (al di fuori del lavoro) di "relazione", nel senso che studio le relazioni umane, la meta-genealogia e le origini dei comportamenti. Scrivo poesie da trent'anni e solo ora ho pensato di renderle pubbliche. Scrivo anche libri, ho pubblicato dei testi in materia psico-giuridica e dei lavori con gli editori Giuffrè, Armando, Cisu ed., Pagine. Ho in lavorazione due romanzi, ormai completati. Sono coniugato con due figli ed ho girato abbastanza per i Paesi del mondo sia per lavoro che per studio e svago".

Le quindici poesie pubblicate in "Refolo" toccano argomenti variegati e compositi, tutti in qualche modo legati alla vita dell'autore. Denominatore comune di ciascuna di esse è una sorta di logica narrativa, un rigore descrittivo che non può non essere lineare anche se qualche verso è consegnato alla fantasia. Sono tutte da leggere con attenzione perché hanno tanto da trasmettere, come "A mia madre" che ha un inizio struggente: "Il sole non è sorto quel Venerdi d'agosto. Quando è spuntato alto nel cielo, tu non c'eri più a vederlo. E io non l'ho visto confuso, strano, entro i preparativi di una partenza, un funerale anticipato da sopportare".

E la peculiarità di Roberto Onorati è che non somiglia a nessun altro poeta fra i tanti che conosciamo.

Refolo – Aletti Editore, e lo stesso editore spiega: "Refolo, quello spostamento leggero del vento, che dà sollievo nella calura estiva e che dal mare verso la terra". 

136 pagine – 12 Euro,  disponibile anche in E-book

  • Baner Ehome

© 2001-2021 ANNUARIO DEL CINEMA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Centro Studi di Cultura, Promozione e Diffusione del Cinema
Presidente Alessandro Masini
Corso di Francia 211 - 00191 Roma
P.IVA 04532781004

La Direzione stabilisce insindacabilmente di inserire, rimuovere, oscurare, modificare, immagini e testi dal sito, a propria discrezione.

Informativa sull'utilizzo dei Cookies