Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

  • annuario 2019
  • home-una-vita

Il PREMIO MigrArti alla 73° MOSTRA del CINEMA di VENEZIA

In lizza le 16 produzioni vincitrici del bando promosso e finanziato dal MiBACT – Il Minostro Franceschini: per il prossimo anno stanziati 1.500.000 euro per cinema e teatro dell’integrazione culturale

12PremioMigrArtiIl Premio MigrArti sbarca alla 73° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia con i 16 corti e documentari vincitori dell’omonimo bando del MiBACT, ideato quest’anno per la promozione di progetti cinematografici che hanno contribuito alla valorizzazione delle culture delle popolazioni immigrate in Italia, nell’ottica dello sviluppo, del confronto e del dialogo interculturale, grazie allo stanziamento di risorse per 800.000 euro.

I 16 film in concorso, le peculiarità del Premio e le prospettive future di MigrArti sono stati presentati oggi a Venezia dal Ministro Dario Franceschini, alla presenza del Presidente della Biennale Paolo Baratta e del direttore della Mostra del Cinema Alberto Barbera, nel corso della conferenza stampa all’Italian Pavilion, in Sala Tropicana all’Excelsior.

I corti, le docufiction e i documentari, realizzati sia da realtà associative che da società di produzione cinematografica, in collaborazione con le realtà operanti sui territori, raccontano stralci di vita nel carcere, storie di famiglie e di diverse culture che vivono il processo di integrazione nel tessuto sociale del nostro Paese e anche quelle rifugiati politici, tracciando uno spaccato dei “nuovi italiani” per cercare e riconoscere le varie realtà che in Italia si occupano di quei popoli migranti che fanno ormai parte integrante dal punto di vista umano, economico, culturale e lavorativo del tessuto sociale del sistema Paese.

La giuria, presieduta dal regista Ferzan Özpetek nominerà il vincitore di questa prima edizione del Premio Migrarti il 6 settembre alle ore 12.00 in Sala Tropicana.dariofranceschini6

“Con il Premio Migrarti – ha dichiarato il ministro Franceschini – stiamo cercando di colmare un colpevole ritardo e favorire la conoscenza delle tante culture e delle diverse comunità che vivono in Italia. Per chi, come me, si occupa della cultura della Nazione è un dovere e un’opportunità interessarsi e valorizzare tutte le culture presenti sul territorio”. “Per il 2017 i fondi saranno raddoppiati: dagli 800.000 euro di quest’anno è previsto 1.500.000 per l’anno prossimo – ha annunciato Franceschini – di cui 250.000 sono stati stanziati dall’UNAR, partner dell’iniziativa”.

Per MigrArti 2017 oltre alle sezioni già presenti quest’anno - spettacolo dal vivo, danza, musica, teatro, cinema, rassegne e corti - è prevista anche la sezione MigrArti Cartoon. I vincitori saranno premiati nel corso di Cartoons on the Bay, il Festival Internazionale dell'animazione, cross mediale e della tv dei ragazzi, promosso da Rai e realizzato, da Rai Com, con l'alto Patrocinio della Presidenza della Repubblica che si svolgerà dal 6 all'8 aprile.

Oggi è stato presentato anche le spot video di promozione del Premio e dell’iniziativa, che sarà proiettato a Venezia prima di ogni proiezione di MigrArti in sala Volpi e sulle reti Rai a partire dalla conclusione della Mostra del Cinema.

Lo spot è disponibile al link https://youtu.be/sauW7_DUYSs

Calendario delle Proiezioni

4 settembre ore 11.30 Sala Volpi MigrArti (1) 

(Replica Sala Casinò 8 settembre ore 9.00)

Ghetto P.S.A. di Rosella Squillaci 16’

Naufragio con spettatore di Fabio Cavalli 15’

La Viaggiatrice di Davide Vigore 15’

Latif, poeta e combattente di Massimiliano Zanin 15’

Vittorio De Seta, maestro del Cinema di Simone Massi 3’

Omni-bus di Federico Menichelli 15’

Farida di Mohamed Zouaoui 15’

No Borders - Un mondo dei migranti in realtà di Haider Rashid 10’

5 settembre ore 11.30 Sala Volpi MigrArti (2)

(Replica 9 settembre Sala Casinò ore 9.00)

Zaza Kurd di Simone Amendola 15’

Mare Nostrum di Maryam Rahimi 8’

Posso entrare? di Fariborz Kamkari 15’

Beles - La stagione dei fichi d’India di Massimo Ruggero 15’

Amira di Luca Lepone 10’

Asi Stanala Siena – Buongiorno Restelica di Nicola Contini 15’

Chiara zyz – Un fiore nel cuore di Palermo di Gaetano di Lorenzo 15’

Babbo Natale di Alessandro Valenti 15’

Scheda Premio

Il Premio MigrArti a Venezia, la cultura unisce: da Merano al legno delle barche dei migranti di Lampedusa

Il Premio Migrarti nasce dal concorso realizzato dal MiBACT “Un logo per Migrarti” rivolto ai licei artistici e agli istituti tecnici statali e paritari con indirizzo grafica e comunicazione. Il progetto vincitore è diventato il simbolo di tutta la campagna, nonché del premio cinematografico vero e proprio che verrà consegnato il 6 settembre nel corso della 73° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia

Ideato da Viktoria Tribus, studentessa del Liceo Artistico di Merano, e realizzato dall’unico ebanista di Lampedusa Francesco Tuccio, con il legno originale delle barche dei migranti spesso naufragate nell’isola italiana più a Sud del Mediterraneo, il Premio verrà consegnato martedì 6 settembre dal regista Ferzan Ozpeteck alla migliore tra le 16 produzioni sbarcate sul grande schermo di Venezia.  “Sono due mani, due piedi e due occhi, che insieme raffigurano una maschera di teatro – ha spiegato la studentessa che ha ideato il simbolo della campagna –se si uniscono le mani, i piedi e gli occhi diventano appunto una sola cosa, una maschera, il simbolo del teatro. La cultura unisce ed è proprio questo che ho voluto raffigurare”.

“La scelta di questi materiali è anche una protesta per dare voce ai più deboli, alle persone più bisognose – ha spiegato l’ebanista Francesco Tuccio di Lampedusa che ha realizzato alcune opere anche in occasione della visita di Papa Francesco – perché rappresentano una testimonianza tangibile di questi viaggi e restituiscono allo stesso tempo dignità libertà e futuro a queste persone”. “E’ stato bello dare il colore del legno delle barche al logo in bianco e nero – ha proseguito Francesco Tuccio – è un messaggio su questo legno così sofferto che racconta sì il dramma, ma con i colori che danno anche una speranza per il futuro”.

  • banner fabbricanti oro
  • banner 130x65 noassociati
  • bannercuktural news
  • banner-christie

© 2001-2015 ANNUARIO DEL CINEMA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Centro Studi di Cultura, Promozione e Diffusione del Cinema
Presidente Alessandro Masini
Corso di Francia 211 - 00191 Roma
P.IVA 04532781004

La Direzione stabilisce insindacabilmente di inserire, rimuovere, oscurare, modificare, immagini e testi dal sito, a propria discrezione.

Informativa sull'utilizzo dei Cookies