Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

  • annuario 2019
  • home-una-vita

ESCE IL VANGELO DEI PIEDI DI DON ANTONIO MAZZI

Il cammino di don Mazzi

Il succo di una vita vissuta da prete di strada. Ecco il senso di questo libro e della profonda consapevolezza di don Antonio Mazzi, fondatore nel 1984 del Gruppo Exodus per il recupero dei tossicodipendenti: un libro sfolgorante, tanto semplice nelle parole quanto potente nella passione umana con la quale l’Autore rilegge la Parola di Dio dal basso e alla vigilia dei suoi 90 anni, il prossimo novembre.8Vangelo dei piedi

A partire da un brano della Bibbia, don Antonio offre un commento essenziale, sapienziale e popolare al tempo stesso, ma fortissimo nel suo valore evangelico, nel senso della sorpresa, della notizia buona e inaspettata che sorge come acqua dal terreno e bagna i piedi di tutti quelli che camminano. Don Mazzi prete di strada, ultimo con gli ultimi, non poteva scrivere un libro «tradizionale»: aveva bisogno di andare oltre schemi e «pregiudizi», nel senso di stereotipi, per raccontare la Scrittura secondo la sua esperienza di vita e di apostolato fra gli abbandonati e i derelitti, arricchita da quello che il Signore gli ha fatto comprendere attraverso i volti e le parole di chi non ha volto né parola. Dunque, Il Vangelo dei piedi. Beato l’uomo che ha sentieri nel cuore non è un testo da leggere di seguito o da cima a fondo. Non è neppure una raccolta di omelie come spiega l’autore nella prefazione: «Non aspettatevi qualcosa di coerente, qualcosa che assomiglia alle prediche. Sono partito dai piedi perché il Vangelo è cammino. Ragionando dai piedi sono sicuro che una piccola somiglianza con Cristo ce l’abbiamo tutti e, alla fine, quella lavanda del giovedì, da sola, può raccontarci tutta la storia dell’UOMO, non solo dell’UOMO dei vangeli, ma dell’UOMO».

Dà alcune avvertenze preliminary ai lettori: «ci sono testi brevi e commenti, non leggeteli come se fossero capitoli con un finale; ogni pagina è intera, finita. Va solo “masticata” e/o “sputata” (digerita?); se qualche citazione non è completa e alcuni titoli non ci sono è perché don Mazzi è disordinato anche lì! Lasciatelo disordinato, vi prego!». O meglio, un filo conduttore c’è in questa totale estemporaneità, quasi disorganizzazione organizzata: la potenza della Parola di Dio che non è categorizzabile per definizione, è lo Spirito che soffia dove vuole e don Mazzi ne dà testimonianza nella sua percezione.

L’autore è affascinato da una apparente contraddizione: «Come si possono spiegare, capire, senza idolatrare per un verso o banalizzare per un altro, le due facce del Cristo? L’aspetto umano: fame, sete, analfabeta, senza casa, con pochi uomini che non solo non lo difesero, ma furono la causa della sua morte, offrendolo per trenta denari al “nemico”. E accettare, poco tempo dopo, che sempre quel Cristo faccia miracoli, vada in cielo e annunci al mondo che i veri ricchi sono i poveri, e che con due pesci dia da mangiare a cinquemila persone e ne avanzi? Era solo mezzo uomo e mezzo Dio oppure era due cose intere, o una cosa intera che le conteneva tutt’e due?».

Ecco allora la strada dove la Parola di Dio si fa carne, dove il messaggio evangelico, la buona notizia, ti mette di fronte a Cristo sofferente che vedi nel povero, nell’immigrato, nel drogato, negli ultimi che la società ha escluso.

«Vedo se posso rendere credibile, meno ieratico e meno accademico, il volto di Cristo che ci passa davanti in tutte le salse», scrive don Mazzi e il suo obiettivo è superare l’agiografia che ha reso Cristo un santino per ridare spessore vero alla sua figura di Salvatore dell’umanità. E aggiunge: «Il cuore del Vangelo non sono i miracoli, il tempio, il potere, le idee, le teorie ma la storia di un uomo che, amando la nostra umanità, ci ha portato ad amare la sua e la nostra divinità. L’esodo di Cristo dall’alto dei cieli ha avuto lo scopo di non farci sbagliare sull’identità di Dio, come è successo nel primo giardino». Perché darsi tanta pena? C’era proprio bisogno di un libro del genere? Don Mazzi lo ha scritto per non sbagliare su Dio, «perché, dice David Maria Turoldo, sbagliare su Dio significa sbagliare sulla storia, sul mondo, sull’uomo, su noi stessi. Solo capendo questo, avremo la vita in abbondanza, e riusciremo a trasformare in Vangelo le vicende quotidiane».

L’Autore

Don Antonio Mazzi, sacerdote dal 1956, nel 1984 fonda a Milano il Gruppo Exodus per recuperare i tossicodipendenti che avevano trasformato il Parco Lambro nel più grande ipermercato europeo dell’eroina. Dal 1996 è Presidente della Fondazione Exodus Onlus che gestisce e coordina una trentina di strutture in Italia e all’estero. Svolge attività di comunicazione sociale, formazione, promozione di percorsi personalizzati con bambini, adolescenti, giovani e famiglie, prevenzione e cura delle tossicodipendenze e delle forme di grave disagio sulla base di un approccio di tipo educativo. Collabora con importanti testate giornalistiche (Gente, Famiglia Cristiana, Vita Pastorale) e televisive ed è autore di numerosi libri. Tra i più recenti (2017): Spinocchio, Stop ai bulli, Ritratti, Amori e tradimenti di un prete di strada.

Il vangelo dei piedi - Antonio Mazzi

Beato l’uomo che ha sentieri nel cuore - Edizioni Terra Santa, Milano 2019

176 pagine - 15 € - ISBN: 978-88-6240-623-9

Data di pubblicazione: 14 febbraio 2019

  • banner fabbricanti oro
  • banner 130x65 noassociati
  • bannercuktural news
  • banner-christie

© 2001-2015 ANNUARIO DEL CINEMA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Centro Studi di Cultura, Promozione e Diffusione del Cinema
Presidente Alessandro Masini
Corso di Francia 211 - 00191 Roma
P.IVA 04532781004

La Direzione stabilisce insindacabilmente di inserire, rimuovere, oscurare, modificare, immagini e testi dal sito, a propria discrezione.

Informativa sull'utilizzo dei Cookies