Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

  • annuario 2019
  • home-una-vita

A VENEZIA 76.: SUI PICCOLI GRANDI FILM ITALIANI HORROR DI SUCCESSO

Compass film presenta “Boia, maschere e segreti: l’Horror italiano degli anni Sessanta” Scritto e diretto da Steve Della Casa prodotto da Pierfrancesco Fiorenza per Produzione Straordinaria, in concorso a Venezia Classics. Distribuito da Compass Film. Edizioni Extradigital.10boiamaschere

SINOSSI

Negli anni Sessanta, il cinema horror conosce una nuova stagione di grandi successi in tutto il mondo.

Per la prima volta, anche in Italia si intraprende la produzione di piccoli film che hanno però un grande successo in tutto il mondo e che costituiscono una sorta di approccio italiano al genere. Con il contributo di alcuni maestri come Dario Argento, Pupi Avati e di importanti critici francesi (Frédéric Bonnaud, Jean Gili, Jean-François Rauger, Bertrand Tavernier), si ripercorrono le particolarità e i punti forti di un approccio molto originale all’horror, nel quale estetica pop e contenuti trasgressivi hanno un ruolo molto importante che rende unica la produzione italiana del decennio.

BIOGRAFIA DEL REGISTA

Steve Della Casa è nato a Torino il 25 maggio del 1953. È stato tra i fondatori del Torino Film Festival (del quale è stato direttore) e del programma Hollywood Party, che da 25 anni va in onda su Radio Rai.

Ha presieduto la Film Commission Torino Piemonte e ha realizzato molti documentari vincendo nel 2017 un Nastro d’Argento.

Ha scritto saggi sul cinema in Italia e all’estero e collabora al quotidiano La Stampa.

DICHIARAZIONE DEL REGISTA

Il cinema popolare italiano è un universo ricco di fascino e spesso ancora non esplorato.

Raccontare l’horror italiani degli anni Sessanta significa analizzare un percorso produttivo dove la ristrettezza di mezzi finanziari non era vissuta come un limite, ma come una possibilità di sperimentare grandi innovazioni sul piano estetico e anche nei contenuti”.

FILMOGRAFIA COMPLETA DEL REGISTA

• “Uomini forti” (2006), regia di Steve Della Casa (Mostra del cinema di Venezia)

• “Flaiano il meglio è Passato” (2010), regia di Steve Della Casa e Giancarlo Rolandi

(Mostra del cinema di Venezia)

• “I tarantiniani” (2014), regia di Steve Della Casa e Maurizio Tedesco (Roma Film Festival)

• “Lorenza Mazzetti - Perché sono un genio” (2016), regia di Steve Della Casa e Francesco Frisari

(Mostra del cinema di Venezia)

• “Nessuno ci può giudicare” (2016), regia di Steve Della Casa e Chiara Ronchini (Torino Film Festival)

• “Bulli e pupe” (2018), regia di Steve Della Casa e Chiara Ronchini (Torino Film Festival)

CAST ARTISTICO e TECNICO

Questo film è stato prodotto anche grazie all’utilizzo del credito d’imposta previsto dalla legge 24 dicembre 2007 n.244 e con il contributo della Direzione Generale per il Cinema del Ministero per i Beni e le Attività Culturali che lo ha riconosciuto di interesse culturale prodotto da Pierfrancesco Fiorenza per Produzione Straordinaria; soggetto, scritto e diretto da Steve Della Casa; aiuto regia Caterina Taricano;  montaggio Graziano Falzone; con Dario Argento, Pupi Avati, Frédéric Bonnaud, Carlo Cotti, Jean Gili, Jean-François Rauger, Bertrand Tavernier.

I film di repertorio: “Sei donne per l’assassino” (1964), di Mario Bava,  “Horror” (1963), di Alberto De Martino, “Il Boia scarlatto” (1965), di Massimo Pupillo, “La cripta e l’incubo” (1964), di Camillo Mastrocinque, “Un angelo per Satana” (1966), di Camillo Mastrocinque, “L’orribile segreto del Dr. Hichcock” (1962), di Riccardo Freda, “La morte ha fatto l’uovo” (1968), di Giulio Questi, “Lo strangolatore di Vienna” (1971), di Guido Zurli, “5 tombe per un medium” (1965), di Massimo Pupillo, “Beatrice Cenci” (1956), di Riccardo Freda, “Nella stretta morsa del ragno” (1971), di Antonio Margheriti, “Il mostro dell’isola” (1953), di Roberto Bianchi Montero, sono della società di distribuzione Compass Film.

Compass Film: Stefano Libassi, Nicole Libassi produttrice creativa, Lorena Libassi Coordinamento del repertorio, Luigi Lupi. 

Per la troupe di Produzione Straordinaria: direttore della fotografia Giulio Bottini, operatore di macchina William Delli Quadri, operatore di seconda macchina Gianluca Zampiglia, assistente mdp Anna Macchia, fonico di presa diretta Gianfranco Sforzin, segretaria di edizione Elena Magliulo, coordinamento generale e comunicazione Federika Ponnetti, amministrazione film Carmela Palazzo, Donatella Micozzi, Antonella Bastianoni, Angela D’Alessandro, Manuela Bruni, Maurizio Quintili, Teatri di posa e stabilimento post produzione video-audio scansioni, restauro e digitalizzazione, Augustuscolor, supervisore post produzione Alessandro Pelliccia, scanner 4K Denis Malagesi, montaggio online Azzurra Argentieri, digital restoration Francesco Spadoni, Sara Iacovacci, correzione colore Alessandro, supervisore effetti visivi Fausto Vitali, motion graphics e titoli Marco Cannella, montaggio presa diretta Federico Forleo, responsabile per il suono Carlo Fanfoni, fonico di missaggio Mauro Zuccari, inserimento audio Tonino Mastropietro, rilevamento dialoghi, Angela Cortese, masterizzazione e controllo Mauro Sabatini, Gianluca Zampiglia, dcp Andrea Brolli, Gabriele Fabbri

FIlm in concorso Venezia Classics Edizioni Estradigital

Opera realizzata con il sostegno della Regione Lazio Fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo

Copyright © Produzione Straordinaria Srl 2019

NOTE SULLA SOCIETA’ DI DISTRIBUZIONE, COMPASS FILM

La Compass Film è una società di distribuzione indipendente, fondata nel 1987 da Stefano Libassi, con l’obiettivo di distribuire il cinema italiano degli anni d’oro, in tutto il mondo.

E’ proprietaria di un ricco catalogo di film, dal 1945 al 1970, offrendo un’ampia selezione di generi tra cui Classici, Commedie, Drammatici, Spaghetti Western, Storici, di Guerra, Thriller e Horror disponibili in diverse lingue.

Tra i nomi più importanti della Library Compass, troviamo registi e attori del calibro di: Michelangelo Antonioni, Bernardo Bertolucci, Alessandro Blasetti, Pier Paolo Pasolini, Vittorio De Sica, Roberto Rossellini, Luchino Visconti, Dino Risi, Mauro Bolognini, Sergio Corbucci, Marcello Mastroianni, Sophia Loren, Alberto Sordi, Anna Magnani, Totò, Ugo Tognazzi, Claudia Cardinale.

La Compass Film è proprietaria del materiale negativo originale della maggior parte dei suoi film, da cui vengono realizzati i migliori materiali digitali.

NOTE SULLA CASA DI PRODUZIONE, PRODUZIONE STRAORDINARIA

Produzione Straordinaria nasce nel 2006 con l’intenzione di ritagliarsi un ruolo attivo tra le produzioni sia cinematografiche che televisive, spaziando tra cortometraggi e pellicole di valore culturale, storico e sociale, guardando con interesse anche a format, sitcom e serie televisive fresche e dall’ampio respiro.

Creata al fine di realizzare pellicole di qualità avvalendosi dell’esperienza di autori affermati e non, Produzione Straordinaria vuole dare largo spazio all’entusiasmo delle “nuove leve” dei tanti autori e attori emergenti del nostro panorama, guardando con attenzione alle esigenze sociali e culturali del nostro paese e non solo.

NOTE SUL PRODUTTORE ESECUTIVO, PIERFRANCESCO FIORENZA

Pierfrancesco Fiorenza è nato a Roma il 14/02/1974, ed è un produttore ed un regista cinematografico. Inizia la carriera di imprenditore pubblicitario all’età di 23 anni, e dopo aver vissuto molti anni all’estero (lungo il suo soggiorno in Giappone), ritorna in Italia e si dedica al cinema ed alla televisione. Inizia la carriera come VFX Producer, ed in seguito si impegna a produrre e dirigere film.

https://www.imdb.com/name/nm3090090/?ref_=fn_al_nm_1

NOTE SUL PARTNER TECNICO DELLA POST PRODUZIONE E DEL RESTAURO DELLE PELLICOLE DI FOOTAGE, L’AUGUSTUS COLOR

Azienda tecnica al servizio di chi crea e produce immagini in movimento come film, tv, documentari, pubblicità, e si occupa di restauro di film. Nasce a Roma quasi mezzo secolo fa come laboratorio di sviluppo di pellicole cinematografiche. Scommette su questo documentario e lo produce, occupandosi anche della post produzione e del restauro di pellicole.

E’ uno dei pochissimi laboratori in Europa del Sud e Nord Africa in grado di seguire l’intero processo dallo sviluppo del negativo, alla consegna dei film. E’, inoltre, altamente qualificata nel restauro sia fotochimico che digitale dei film, oltre ad avere le strutture per garantire la conservazione e lo stoccaggio di materiali, girati sia in pellicola che in digitale.

In un’intervista di Luca Guadagnino è stata definita “formidable facility” In Italia, e infatti è la più importante e completa Hub di servizi, per le immagini in movimento, scelto come partner tecnico dalle più importanti produzioni cinematografiche nazionali ed internazionali, come ad esempio Netflix che l’ha scelta per la sua prima produzione italiana, Suburra. Ed è sempre attenta alle nuove tendenze di cui si fa precorritrice.

www.augustuscolor.com

  • banner-christie

© 2001-2015 ANNUARIO DEL CINEMA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Centro Studi di Cultura, Promozione e Diffusione del Cinema
Presidente Alessandro Masini
Corso di Francia 211 - 00191 Roma
P.IVA 04532781004

La Direzione stabilisce insindacabilmente di inserire, rimuovere, oscurare, modificare, immagini e testi dal sito, a propria discrezione.

Informativa sull'utilizzo dei Cookies