Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

  • annuario 2019
  • home-una-vita

UN EDITORIALE DI MAURIZIO PIZZUTO, DIRETTORE DI PRIMA PAGINA NEWS

 
Coronavirus, Deputati e Senatori abbiano il coraggio di devolvere un mese di diaria agli ospedali italiani - Poiché il Parlamento non si riunisce, e i parlamentari stanno a casa propria, Prima Pagina News lancia la sua provocazione.  

"Finalmente leggiamo da qualche parte che il parlamento potrebbe tornare a riunirsi. Sarebbe ora, e sarebbe giusto che ciò si facesse. Sarebbe onesto per gli italiani ritrovarsi idealmente nella casa comune, perché francamente diventa complicato capire come mai in Italia il parlamento sembra essersi dileguato nel nulla - inizia così la provocazione di Maurizio Pizzuto, direttore dell'agenzia di stampa quotidiana nazionale, Prima Pagina News.

Ma dov’è finita la politica? Dove sono i grandi leaders?

Dove ristagna il grande dibattito di una volta? È mai possibile che il Coronavirus abbia bloccato non solo il sistema-Paese ma anche il mondo globale della politica?

È normale delegare tutto al presidente del Consiglio Giuseppe Conte?

Lo chiediamo ad un grande interlocutore della politica di questi anni che è Matteo Salvini: come si fa ad affidare le sorti del Paese ad un premier che i giornali di questi giorni hanno raccontato come “debole”, il “re tentenna”, a volte “confuso” e qualche volta anche eccessivamente distratto dai mille problemi reali dell’economia del Paese? Come si fa? ci chiediamo.

Dov’è finita l’opposizione? Capisco che la gente possa fraintendere i messaggi politici in una situazione di grave crisi come la nostra, e possa imputare all’opposizione di aver creato ulteriori problemi alla macchina del vapore, ma da che mondo è mondo, nessun Paese democratico può ignorare il ruolo e la presenza fondamentale delle forze di opposizione.

Bene hanno fatto Berlusconi Meloni e Salvini a rivolgersi direttamente al Capo dello Stato. Ma questo non basta! Noi crediamo che la politica debba dare al Paese un segnale forte, anche emblematico.

La proposta che abbiamo scelto di lanciare come Testata giornalistica è che ogni deputato, ogni senatore, ogni gran commis che si rispetti, devolva un mese del proprio stipendio alle necessità degli ospedali dove oggi si cura il Coronavirus.

È la diaria che ogni parlamentare e ogni deputato ha ricevuto sulla propria busta paga per non aver lavorato neanche un giorno. Quanta gente in questi ultimi mesi non lavora per via della crisi, e quindi non guadagna. Nessun parlamentare e nessun senatore della Repubblica hanno messo mai piede in parlamento in queste ultime settimane, sono stati quindi pagati per non aver adempiuto al proprio compito e al proprio ruolo. E allora si abbia il coraggio di rinunciare ad un mese di diaria.

Mai come in questo caso l’unione fa la forza e una diaria di 12 mila euro al mese, netti, moltiplicato mille (più esattamente, 630 deputati e 315 senatori), sono soldi che potrebbe tornare utili alla macchina organizzativa dello Stato nella lotta al Covid 19. L’unica che ha avuto il coraggio di parlare di questo, in queste ore, è stata Giorgia Meloni.

Bene, l’appello di Giorgia Meloni diventi allora il karma di tutti gli altri soggetti chiamati dal voto popolare a rappresentare il Paese in Parlamento.

Se non accadrà - conclude Maurizio Pizzuto - allora vorrà dire che nessuno di loro crede davvero agli interessi primari della Repubblica. In quel caso sarebbe giusto che ognuno di loro facesse un passo indietro e lasciasse spazio al prossimo.

https://www.primapaginanews.it/articoli/coronavirus-deputati-e-senatori-abbiamo-il-coraggio-di-devolvere-un-mese-di-diaria-agli-ospedali-italiani-471182  

  • banner-christie

© 2001-2020 ANNUARIO DEL CINEMA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Centro Studi di Cultura, Promozione e Diffusione del Cinema
Presidente Alessandro Masini
Corso di Francia 211 - 00191 Roma
P.IVA 04532781004

La Direzione stabilisce insindacabilmente di inserire, rimuovere, oscurare, modificare, immagini e testi dal sito, a propria discrezione.

Informativa sull'utilizzo dei Cookies