Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

  • annuario 2020
  • home-una-vita

Libri: esce "COVIDEOCRACY" di Carmine Castoro

Un saggio che analizza virus, potere e media

Il Covid, un male che credevamo confinato in lande lontanissime, serpeggia fra la popolazione: l’ansia, il dubbio, la grancassa social-televisiva diuturna e stressante portano a provvedimenti biopolitici dal sapore apocalittico e, nel breve volgere di due settimane, a fine febbraio, ci ritroviamo in pieno isolazionismo di massa, denunciati per una passeggiata col cane, impediti nella mobilità, sospettosi del vicino, trasfigurati da mascherine distopiche, con le Borse che crollano, la produzione congelata, lo spettro della “peste” e della miseria che ribussa alle nostre porte dai tempi della Milano di Renzo e Lucia.

E’ questo lo scenario che fa da sfondo al nuovo saggio di Carmine Castoro, giornalista e filosofo della comunicazione, professore incaricato a Comunicazione e Criminologia in varie università italiane, dal titolo: Covideocracy.

Virus, potere, media.

Filosofia di una psicosi sociale (Male Edizioni di Monica Macchioni). Un saggio molto articolato che unisce sofisticati strumenti di interpretazione filosofica e sociologica del fenomeno-Covid, una ben selezionata antologia di articoli apparsi su quotidiani e magazine in questi mesi di contagio e spunti presi da format e approfondimenti televisivi che intendevano illustrare le problematiche correlate al pubblico da casa, ma incappando quasi sempre in un risultato fuorviante, confusionario e martellante.

Un testo che parte da e sviluppa uno snodo teorico nevralgico: nessuna analisi complessa di tipo storico, sociale, critico e genealogico è stata fatta in tempo reale della cosiddetta pandemia da coronavirus, preferendo le semplificazioni ossessive, luttuose, statistiche e paranoiche dell’informazione mainstream che ha incatenato le nostre menti.

Non sono state indagate le cause antropiche del virus visto come “flagello”, le responsabilità a livello di malasanità territoriale, la finanziarizzazione della medicina; nemmeno evidenziati i conflitti di interessi dei guru della Scienza, i raffronti con altre malattie in Italia e nel mondo, quest’anno e nei precedenti, lo smantellamento del Welfare, le logiche profittevoli di un infotainment che fa spettacolo pure su pazienti intubati e vecchietti agonizzanti.

“Siamo di fronte come recita lo stesso titolo del mio libro – sottolinea il professor Castoro - a una Videocrazia del Covid e, ancora a tutt’oggi, in mancanza di evidenze ospedaliere, di reali e cogenti aree di rischio, e soverchiati, invece, da un autentico disastro socio-economico che non sembra preoccupare più di tanto, a una vera casta tecno-politica con cravatta e pochette che ci sta condannando alla paranoia eterna e a uno spettro-Covid che va a duello ormai con ufologia e film di Spielberg.

In nome di carriere politiche da conservare, personalismi smaccati e di egolatrie rancide e pericolosissime a reti unificate. Si affaccia una terribile trigonometria delle democrazie in declino: governance fallimentari con rigurgiti di centralismo, narrazioni stordenti e tremendiste, una dissociazione verticale fra libertà e sicurezza, verità e menzogna, storia e finzione.

Dunque – conclude Castoro -, fluttuiamo, angosciati e inibiti nelle nostre libertà, nel limbo di una Fobocrazia, un regime della Paura che ha portato profitti luccicanti ai broadcaster televisivi, al protagonismo di conduttori e leader, finanche a medici di cui si ignoravano volti e attività, e a importanti settori merceologici, fallendo nell’unico vero proposito di uno Stato democratico: far capire alla gente le radici della diffusione di un virus, e quanto l’uomo e il suo modello sociale ed economico mondiale ne siano responsabili, offrendo parametri di sicurezza e lotta all’ansia, in nome di un Welfare da rifondare”.

Castoro non è nuovo a queste battaglie culturali contro le derive illogiche e nocive dei massmedia, avendo pubblicato finora molti saggi affini, soprattutto per la Mimesis di Milano come Filosofia dell’osceno televisivo, Clinica della tv e Il sangue e lo schermo, tra i tanti.

  • Baner Ehome

© 2001-2020 ANNUARIO DEL CINEMA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Centro Studi di Cultura, Promozione e Diffusione del Cinema
Presidente Alessandro Masini
Corso di Francia 211 - 00191 Roma
P.IVA 04532781004

La Direzione stabilisce insindacabilmente di inserire, rimuovere, oscurare, modificare, immagini e testi dal sito, a propria discrezione.

Informativa sull'utilizzo dei Cookies