• top cover
  • home-una-vita

Brindisi 4.0 all'insegna della Musica d'Autore

 25grigliaMusic

I cinema sono chiusi, le produzioni dei film sempre più complicate da realizzare, ma la Musica d'Autore non ci pensa a fermarsi, ed i nostri compositori di colonne sonore continuano a portare il nome del Made in Italy in giro per il mondo. E, se serve, in periodo di normativa covid19 che impedisce di incontrarsi dal vivo, a fare anche un happening virtuale per congratularsi con un giovane collega, Kristian Sensini, che ha appena ottenuto l'ambita nomination per la categoria Colonna Sonora di film Straniero agli Hollywood Music in Media Awards (i prestigiosi riconoscimenti dedicati ai Compositori che si sono contraddistinti nel corso dell’anno per il loro lavoro per il Cinema, la Tv ed i Videogames): risultato straordinario per una eccellenza italiana di soli 44 anni. Tra i nominati di questa edizione, compositori veterani come Alexandre Desplat, James Newton Howard, Trent Reznor/Atticus Ross, Howars Shore e Hans Zimmer.

23kristian sensini 3

Kristian Sensini (nella foto qui sopra), italianissimo compositore, ha ricevuto una nomination nella  categoria Miglior Film Straniero per la colonna sonora del film All Against All diretto da Andrej Kosak e prodotto da Blade Production. "Ho scoperto la notizia grazie alla rete; a causa del fuso orario la notizia è stata pubblicata da Variety quando in Italia era ancora notte. Al mio risveglio, nell'immancabile scrolling delle notizie su Facebook, ho trovato molti post di colleghi LosAngelini che parlavano delle Nomination" ha commentato a caldo.

14claudiosimonettiQuesti premi sono molto importanti nel settore dell'audiovisivo perchè, soprattutto in alcune categorie, trainano quelli che sono i premi più importanti dell'anno, vale a dire i Golden Globes e gli Academy Awards. A brindare simbolicamente con Kristian Sensini, in un collegamento tramite piattaforma skype, tutto il direttivo della Associazione Compositori Musica da Film (ACMF), con sede nell'Urbe, di cui il talentuoso Sensini fa parte come socio. A fare i primi complimenti il Presidente Pivio, che insieme ad Aldo De Scalzi ha dato vita ad un lungo sodalizio artistico nel campo della musica da film, ottenendo la notorietà internazionale con Hamam – Il bagno turco diretto da Ferzan Ozpetek. Nel meeting 4.0 si sono subito dopo dati la parola tutti gli altri, in un collegamento divertente, tra ricordi del passato, progettualità future e anche qualche divertente aneddoto. Dopo il Presidente, parola a Stefano Mainetti, attualmente docente proprio di Musica Applicata alle Immagini al Conservatorio di Santa Cecilia in Roma, che ha condiviso con un entusiasta Sensini l' esperienza di oltre 100 colonne sonore in Italia e negli Stati Uniti (dove ha composto per film di Ted Kotcheff e Russel Mulchay, e che all'estero qualche anno fa ebbe anche lui una nomination importante, esattamente a Londra: quella per l'Album of the Year ai Classic Brit Award per il cd "Alma Mater"). Ad inserirsi nella conversazione e ad augurare a Kristian di essere il vincitore del notissimo contest americano è stato poi Pasquale Catalano, uno dei vincitori del più antico premio cinematografico italiano nella edizione 2020: suo infatti il Nastro d’ Argento per la colonna sonora della “Dea fortuna” di Ferzan Ozpetek, aggiudicato a pari merito con Brunori Sas, autore invece  delle musiche di Odio l’estate. Per un segno del destino, quel Premio a Catalano  è stato assegnato proprio  il giorno della scomparsa del compianto Ennio Morricone, che della ACMF era lo stimatissimo Presidente onorario, guida e mentore indimenticabile. Tanti gli aneddoti di vita e professionali che sono usciti fuori durante la lunga chat, ricordando le parole di stima ed incitamento che Morricone ha sempre generosamente riservato a tutta l'Associazione ACMF. Auguri scaramantici a Kristian Sensini anche da Stefano Caprioli, che ha ricordato le sue tante musiche di lungometraggi e serie tv per la regia di nomi nostrani della fama di Pupi Avati e Giacomo Campiotti, giusto per citarne un paio; Fabrizio Fornaci, che ha invece sottolineato la sua caparbietà nell'affrontare i lavori per i  registi Carmine Amoroso, Marcello Cesena, Joe D’Amato, Sergio Tau; Riccardo Giagni, nei panni anche di musicologo, ha condiviso una posizione di pensiero internazionale sul panorama cinematografico acquisito dai frequenti seminari tenuti presso Università estere. Gli ultimi ad unirsi al collegamento virtuale sono stati Alessandro Molinari, che ha studiato pianoforte, composizione, musica corale, direzione di coro e direzione d'orchestra all'estero e non solo in Italia (e che ha regalato al Sensini altri importanti tasselli di esperienza abroad, con  le sue oltre 100 composizioni di colonne sonore di serie TV e film italiani e stranieri); Stefano Reali, già assistente alla regia di Sergio Leone in "C'era una Volta in America", che ha con gioia ricordato che il suo corto "Exit" fu addirittura nominato all'Oscar nel 1987, e quindi ha ribadito quanto sia emozionante apprendere di essere comunque stati notati fuori dal proprio Paese; infine, Giuliano Taviani, cognome importante nel Cinema con una eredità impegnativa (figlio del celebre Vittorio), che dalla sua ha ribadito al Sensini di quanto alla fine l'impegno premi, in Italia e all'estero, se esistono i presupposti del sacro fuoco dell'arte (e nel raccontare la sua ricca esperienza di film usciti al cinema o in tv, si è soffermato a parlare di un suo successo tra i tanti, relativo a "Rosso Istanbul" di Ferzan Özpetek). Nel mentre l'emozionatissimo protagonista del brindisi in Rete ringraziava degli incoraggiamenti, ed informava il Direttivoche i vincitori degli Hollywood Music in Media Awards saranno premiati il prossimo 27 Gennaio nel corso di una cerimonia in streaming  che si terrà ad Hollywood, ecco arrivargli in diretta  una telefonata inaspettata: quella di Claudio Simonetti (nella foto più sopra a sinistra), altro socio ACMF. I premi degli Hollywood Music in Media Awards vengono assegnati anche alle migliori canzoni presenti nei film; in nomination quest'anno, nella suddetta categoria (insieme a Taylor Swift, H.E.R., Brandi Carlile, Janelle Monae, Sinéad O’Connor e John Legend) anche un’altra eccellenza italiana, Laura Pausini. 

Che dire? Viva l'italia!  

(Fonte foto: Lisa Bernardini)

  • Baner Ehome

© 2001-2021 ANNUARIO DEL CINEMA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Centro Studi di Cultura, Promozione e Diffusione del Cinema
Presidente Alessandro Masini
Corso di Francia 211 - 00191 Roma
P.IVA 04532781004

La Direzione stabilisce insindacabilmente di inserire, rimuovere, oscurare, modificare, immagini e testi dal sito, a propria discrezione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001

Informativa sull'utilizzo dei Cookies
Informativa Privacy