Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

  • top cover
  • home-una-vita

"BEAST" al cinema

"BEAST", con JESSIE BUCKLEY, JOHNNY FLYNN e GERALDINE JAMES,  SCRITTO & DIRETTO DA MICHAEL PEARCE, USCIRÀ NELLE SALE ITALIANE GIOVEDÌ 9 SETTEMBRE - IL FILM, TRATTO DAL ROMANZO LA FIGLIA OSCURA DI ELENA FERRANTE, E’ STATO PRESENTATO IN CONCORSO DURANTE LA 78. MOSTRA INTERNAZIONALE D’ARTE CINEMATOGRAFICA DI VENEZIA -

Beast, film che  si confronta con diversi generi - thriller, storia d'amore, horror psicologico, melodramma familiare - , scritto e diretto da Michael Pearce, uscirà  nelle sale italiane giovedì 9 settembre, distribuito da Pier Francesco Aiello per PFA Films ed Emme Cinematografia 

Beast racconta un’attrazione fatale tra due anime complicate e fragili. Sull'isola di Jersey. La storia è narrata dal punto di vista di Moll: è una narratrice inattendibile?

Il racconto si svolge nell’isola di Jersey, i cui abitanti sono sconvolti a causa dei brutali omicidi commessi da un serial killer. E ricorda la famigerata “Bestia di Jersey”, stupratore seriale che terrorizzò l'isola del Canale della Manica tra il 1960 e il 1971. Ed è il ritratto di una giovane donna di 27 anni, Moll (Jessie Buckley) che cerca di liberarsi da una famiglia e da una comunità tipicamente isolane che la soffocano sotto il peso dei loro valori conservatori. Nel suo sguardo cupo e nella sua aria caparbia, si nota fin dalla prima scena del film - le prove di un coro parrocchiale guidato da una madre (Geraldine James) austera e tirannica - tutta la frustrazione che cova dentro questa rossa dal temperamento focoso...

Moll  fa la guida turistica e  vive ancora con i suoi, apparentemente prendendosi cura dell’anziano padre. Ad una festa in giardino data per il suo compleanno, va di ospite in ospite, rispettando una sorta di protocollo, eppure sembra già altrove. Mentre la giovane donna è al centro dell'attenzione, la sorella annuncia agli invitati di essere incinta. Come sollevati dal non doversi più interessare della festeggiata, gli ospiti si precipitano dalla futura madre per congratularsi con lei. 

Moll scappa via dalla sua festa e va in un nightclub, ed è qui che la storia inizia realmente a giocare con l’idea che il dolore non sia poi così lontano dal piacere. Quella notte incontra Pascal (Johnny Flynn), uno sconosciuto dallo spirito libero: è come se un intero mondo si aprisse davanti ai suoi occhi e per la prima volta inizia a sentirsi davvero viva, innamorandosi perdutamente del ragazzo. Finalmente riesce a liberarsi delle catene che la tengono legata alla sua famiglia e si trasferisce a casa di Pascal.

Tuttavia, quando sull’isola viene ritrovato il corpo di una ragazza, la quarta di una serie di vittime dello stesso stupratore serial killer, Pascal diventa il principale sospettato dalla famiglia di Moll e dall’intera comunità. 

Moll sceglie di schierarsi dalla parte di Pascal e prende le sue difese contro la sua famiglia, contro la comunità e contro la polizia. Quando però tutti i sospetti su di lui svaniscono, Moll rimane con dei dubbi persistenti, non solo su Pascal, ma anche su sé stessa.

Sola e spaventata, Moll dovrà affrontare il proprio passato per scoprire chi è davvero e di cosa è realmente capace…  

Anche se il film ricorda la famigerata “Bestia di Jersey”, il regista Michael Pearce voleva renderlo più un racconto mitico che una notizia attuale: "Mi sono reso conto che questa storia sembrava una favola", afferma. Invece, “questa è un'eroina apparentemente ingenua, rinchiusa in un ambiente familiare soffocante, che si avventura nei boschi e incontra un uomo che potrebbe essere il Principe Azzurro... o il Lupo Cattivo. Ho continuato a trarre ispirazione dai codici delle fiabe e ho visto la sceneggiatura come la storia di una donna che prende il potere. Quindi, se il film si confronta con diversi generi - thriller, storia d'amore, horror psicologico, melodramma familiare - e prende in prestito da tutti questi registri, è in definitiva una fiaba, tragica e oscura per gli adulti. È la storia di una giovane donna che deve affrontare diversi mostri: quelli che fanno parte della sua famiglia, quelli che si nascondono nella foresta e quelli che giacciono dormienti in lei. "

  • Baner Ehome

© 2001-2021 ANNUARIO DEL CINEMA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Centro Studi di Cultura, Promozione e Diffusione del Cinema
Presidente Alessandro Masini
Corso di Francia 211 - 00191 Roma
P.IVA 04532781004

La Direzione stabilisce insindacabilmente di inserire, rimuovere, oscurare, modificare, immagini e testi dal sito, a propria discrezione.

Informativa sull'utilizzo dei Cookies