Il presente sito fa uso di cookie anche di terze parti. Si rinvia all'informativa estesa per ulteriori informazioni. La prosecuzione nella navigazione comporta l'accettazione dei cookie.

  • top cover
  • home-una-vita

LO SPETTACOLO DAL VIVO REGGE ANCHE IN STREAMING 

26 spettacoli, 25 festival, 13 regioni, 83 giorni ... 

Lo streaming, bistrattato ma ancora cercato, ha trasmesso lo spettacolo dal vivo italiano in tutto il mondo. Dal 4 luglio al 23 settembre scorso, l’associazione formata da alcuni tra i più prestigiosi festival italiani ha proposto un ricco cartellone di spettacoli avvalendosi dei suoi tanti soci: un tour virtuale tra i principali festival italiani che si sono cimentati tra musica, teatro e danza. Scommessa vinta, per il secondo anno consecutivo, dal binomio Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, e Italiafestival. Lo streaming resiste ancora, a differenza dello scorso anno gli spettacoli sono stati trasmessi con la presenza del pubblico in platea. 

26 spettacoli, disponibili gratuitamente live e on demand sul canale Vimeo di italiana e sul nuovo portale italiafestival.tv, sono stati promossi in tutto il mondo dalla fitta rete degli Istituti Italiani di Cultura all’estero, dalle Ambasciate e dai Consolati per rinvigorire il legame degli italiani all’estero con la loro terra di origine, attraverso le opere artistiche proposte. Non solo, vista la difficoltà dell’arrivo in Italia da parte del turismo estero, a causa delle restrizioni da pandemia, il progetto appena concluso è stato un’occasione per far conoscere a ogni latitudine la varietà e la ricchezza degli eventi culturali del nostro Paese e del Made in Italy, anche quello più immateriale. 

Interessanti i numeri registrati da eventi che hanno spaziato tra la Tosca del Puccini Festival ai Pupi siciliani della famiglia Cuticchio, dalla musica napoletana di Peppe Servillo alle orchestre che si sono esibite durante Umbria Jazz, da Bach e Mendelssohn proposti dall’Emilia Romagna Festival a Italo Calvino recitato sul palco di Borgate dal Vivo. 

I 26 spettacoli che si sono succeduti in poco meno di tre mesi hanno registrato più di 8.000 visualizzazioni da parte di più di 5.000 spettatori (visite uniche registrate negli 83 giorni previsti dal calendario). Numeri che tenderanno ad aumentare vista la permanenza on demand della maggior parte degli spettacoli su “Italiana”, il canale Vimeo del MAECI, e su italiafestival.tv. 

“Nella crisi abbiamo cercato nuovi sbocchi per mantenere viva l’attività di promozione della cultura italiana nel mondo – ha dichiarato Alessandro Ruggera intervenendo a Cividale del Friuli per Eurofestivals@FVG>, funzionario per la promozione culturale della Direzione Generale per la promozione del sistema Paese e responsabile del progetto -. Estate all’italiana festival è stato una vetrina dello spettacolo dal vivo italiano per tutto il mondo. Le ambasciate, i consolati e gli Istituti Italiani di Cultura all’estero hanno promosso spettacoli dei migliori festival italiani afferenti a Italiafestival”. 

“La promozione dei festival italiani anche attraverso lo streaming, dopo un lungo periodo di isolamento, ha celebrato la ripartenza delle attività culturali – dichiara Francesco Maria Perrotta, presidente di Italiafestival -. Abbiamo lanciato un messaggio di vicinanza agli italiani all’estero mediante la trasmissione in streaming degli spettacoli per fidelizzare ancor di più gli spettatori, ci siamo impegnati – continua Perrotta – per dare continuità al progetto nato nell’estate 2020. Nel rispetto di tutte le norme anti Covid, l’evoluzione organizzativa dello spettacolo dal vivo ha visto i festival districarsi in molteplici ambiti per riaprire i battenti, segnale inequivocabile che il mondo dello spettacolo dal vivo ha dimostrato di saper reagire per nutrire i suoi sempre più numerosi spettatori”. 

Di seguito gli spettacoli proposti che hanno caratterizzato il cartellone 2021 promuovendo i territori di ben 13 regioni: Emilia Romagna, Campania, Lombardia, Sicilia, Puglia, Marche, Friuli Venezia Giulia, Toscana, Abruzzo, Calabria, Umbria, Piemonte, Trentino Alto Adige. 

SHOWCASE DEGLI SPETTACOLI 

1. Ravenna Festival: BESTIARIO D’AMORE” di Vinicio Capossela, spettacolo liberamente tratto dall’omonima opera di Richard de Fournival dedicata alle forme che l’amore può felicemente incarnare seguendo lo schema dei bestiari medievali: “l’innamorato è un mostro, sopraffatto dalla necessità di mostrarsi. E non potendo evitare l’amore, lo celebreremo in forma di bestiario”. 

2. Campania Teatro Festival: “I RACCONTI DI MAMMA ORCA” di Roberto De Simone, con Edoardo Catemario (chitarra), quartetto canonico Matteo Calosci (violino), Niccolò Musumeci (violino), Margherita Fanton (viola), Zoltan Szabo (violoncello). Un’opera in cinque movimenti, rappresentativa del legame esistente tra la tradizione musicale napoletana, arcaica e popolare, e la musica contemporanea nella sua accezione più raffinata. 

3. Festival Pianistico di Brescia e Bergamo: “CONCERTO PER PIANOFORTE E ORCHESTRA” n.2 di Brahms eseguito dalla Filarmonica del Festival, Pier Carlo Orizio direttore, Francesco Piemontesi pianista. 

4. Ravenna Festival: i giovani del quartetto Guadagnini, insieme al violoncello di Enrico Bronzi, solista di fama internazionale, interpretano il celebre Quartetto per archi n. 12 in do minore di Franz Schubert. Ai quattro archi insigniti del prestigioso Premio Piero Farulli e al celebre violoncellista spetta poi il compito di interpretare il Quintetto che il compositore terminò appena due mesi prima della morte e che rappresenta il culmine della sua produzione cameristica: un’opera dall’architettura complessa, una sorta di caleidoscopio armonico cui proprio il raddoppio del registro grave conferisce un carattere quasi sinfonico. 

5. Emilia Romagna Festival: nella suggestiva cornice della millenaria Abbazia di Pomposa il prestigioso Coro del Friuli Venezia Giulia, diretto dalla bacchetta del maestro Ernst Hoetzl, con il flauto solista di Boris Bizjak, si esibisce nel concerto Cantate e i mottetti sacri di J.S. Bach, un affascinate programma da Bach a Mendelssohn al contemporaneo Cristian Carrara con una nuova composizione in prima esecuzione assoluta, O Somma Luce per coro a cappella e flauto, ispirata al Paradiso di Dante. 

6. Alkantarafest (Areasud): l’ ”Unconvential Folk” della Sicily Folk Orchestra è sul palco di Areasud. Un ensemble nato per riscoprire, reinterpretare e promuovere le tradizioni musicali siciliane collocandole in un contesto pienamente attuale e moderno, rigenerando e valorizzando il repertorio della musica popolare dell’isola portandolo nelle piazze, nei teatri d’Italia e nei festival di world music di tutto il mondo. 

7. Festival con Festival Valle d’Itria: l’Orchestra del Teatro Petruzzelli interpreta “la Creazione” di F. J. Haydn, nella versione ritmica in italiano approntata per il festival pugliese dal filologo Dario Del Corno e che sarà rivista per questa nuova edizione dal figlio Filippo. Con la regia di Fabio Ceresa e le scene di Tiziano Santi. 

8. Piccolo Opera Festival: Maria de Buenos Aires“, una nuova co-produzione del Teatro Goldoni Livorno. Con Arianna Manganello (Maria), Giacomo Medici (baritono), Gianluca Ferrato (attore). A dirigere Igor Zobin. 

9. Associazione Figli d’Arte Cuticchio (ATF): la “Rapsodia fantastica” eseguita da Nicola Mogavero (sax), Alessio Pianelli e Francesco Biscari (violoncelli), Mauro Vivona (corno), Giacomo Cuticchio (pianoforte e direzione). I cinque musicisti combinano il suono di fiato, arco e tastiera su armonie e melodie composte da Giacomo Cuticchio e ispirate al Teatro dei Pupi, in una vivace reinterpretazione del mondo epico-cavalleresco. 

10. Puccini Festival: Stefania Sandrelli per il suo debutto in veste di regista lirico firma la “Tosca“, capolavoro che inaugura l’edizione n° 67 del Festival Puccini. 

11. Macerata Opera Festival: nello scenario del magnifico colonnato dello Sferisterio, messa in scena di “D’un immortale amor“, composizione originale di Silvia Colasanti per voce recitante, controtenore, quartetto d’archi e percussioni, con testi di Mariangela Gualtieri. 

12. Traiettorie: concerto dell’Ensemble Prometeo diretto da Marco Angius. Il programma proporrà un intenso dialogo fra Stati Uniti e Italia sul piano strumentale (il suono assoluto di MortonFeldman e le geometrie illusionistiche di Aldo Clementi) e vocale (le sfide fra suono e significato di Brian Ferneyhough e Franco Donatoni), con la partecipazione del mezzosoprano KatarzynaOtczyk. 

13. Teatro del Drago (ATF): spettacolo di teatro di figura senza parole, in cui immagini, musica e animazione si fondono creando un’atmosfera giocosa e piena di colore qual è il grande circo di “Pinocchio”. La scenografia e i pupazzi sono ispirati alle immagini di Alain Letort, artista francese che ha reso omaggio al famoso burattino di legno creando 12 tavole a china, colorate in seguito da Gianni Plazzi. Le parole diventano musica, perdono il loro significato, diventando dei semplici suoni che accompagnano i movimenti dei pupazzi mossi a vista da quattro attori-animatori, secondo una tecnica cara alla compagnia. 

14. Festival Internazionale di Mezza Estate– Tagliacozzo Festival: l’Orchestra Sinfonica Abruzzese interpreta il Triplo Concerto e l’Eroica di Beethoven, in occasione dei duecento anni dalla scomparsa di Napoleone. 

15. Armonie d’Arte Festival: l’Ensemble Pietrodarchi in un concerto omaggio a Astor Piazzolla, sulle rotte Italia-Argentina, in occasione del centenario dalla nascita. 

16. Rossini Opera Festival: gli allievi dell’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda” eseguono il “Viaggio a Reims“, dramma giocoso in un atto con musica di Rossini. 

17. Festival Verdi: Michele Mariotti sul podio della Filarmonica Arturo Toscanini e del Coro del Teatro Regio di Parma, dirige per la prima volta Ernani, in programma al XX Festival Verdi al Teatro Regio di Parma. 

18. Umbria Jazz: una rassegna molto particolare quella che Umbria Jazz ha organizzato per la sezione dei concerti pomeridiani. Un ciclo interamente dedicato alle orchestre italiane, formazioni che a dispetto delle difficoltà dimostrano una straordinaria vitalità artistica. Uno spaccato variegato, fatto di stili e visioni diverse, con il comune denominatore del fascino che le grandi formazioni possono esercitare sul pubblico. 

19. Mittelfest: oncerto inaugurale della 30° edizione di Mittelfest. Spettacolo creato da FVG Orchestra, in prima assoluta: GrigorPalikarov dirige l’orchestra, con la partecipazione della giovane solista Erica Piccotti, in uno spettacolo dedicato ai fiumi d’Europa, lungo il Reno della terza sinfonia di Schumann e la Moldava di Smetana, sostando sul Ponte del Diavolo, reimmaginato musicalmente per l’occasione da Cristian Carrara. 

20. Borgate dal vivo: Isabella Ragonese inaugura la sesta edizione di Borgate dal vivo con un evento speciale. Dal cortile interno del Museo Egizio di Torino, l’attrice leggerà alcuni brani tratti da “Le Cosmicomiche” di Italo Calvino. La musica dal vivo che accompagnerà la lettura, sarà realizzata da Riccardo Mazza, curatore del progetto Frequencies. 

21. Festival Musica Sacra Pordenone: l’Odechaton Ensemble interpreta il Patriarcharumconcentus, con la direzione di Paolo Da Col.Del ricco e originale patrimonio musicale fiorito in età medievale nella vasta area del Patriarcato di Aquileia poco è giunto fino a noi e quanto resta negli antichi codici è prevalentemente monodia liturgica o paraliturgica. Il concerto Patriarcharumconcentus offre un’esemplificazione della ricchezza di linguaggi e forme musicali (sequenze, discanti, mottetti, inni, mottetti celebrativi, madrigali ecc.) praticate tra XV e XVI secolo nella vasta area del patriarcato, luogo di incontro di lingue e culture diverse e di scambi di conoscenze. 

22. Opera Estate Festival: A cent’anni della morte del compositore Camille Saint Saens, un network italiano di organizzazioni di danza crea il progetto “Swans Never Die” e invita artisti diversi a lavorare all’assolo La morte del cigno come a un campo di sperimentazione, tra reinvenzione e citazione, tra storia e memoria. Accanto alla versione classica interpretata da Virna Toppi, prima ballerina al Teatro alla Scala, le creazioni di Chiara Bersani, Collettivo MINE, Silvia Gribaudi, Philippe Kratz e di Camilla Monga, accompagnata dai musicisti Filippo Vignato ed Emanuele Maniscalco. 

23. Mascagni Festival: concerto lirico sinfonico tra Mascagni e Morricone, con Francesca Maionchi (soprano), e Beatrice Venezi a dirigere l’Orchestra della Toscana. 

24. Südtirol Festival Merano: La Baltic Sea Philharmonic in “Nordic Swans”, una giovane orchestra composta da musicisti provenienti dalle 10 nazionalità che confinano con il mare baltico (Danimarca, Finlandia, Norwegia, Svezia, Germania, Russia, Polonia, Estonia, Lituania, Lettonia) ha una particolarità, tutti i musicisti suonano a memoria, quindi senza spartiti, senza leggii e stando in piedi. Questo crea una enorme dinamica, sinergia e libertà di esecuzione. Il direttore Kristjan Järvi è una delle figure più carismatiche del settore. 

25. Festival delle Nazioni: Ensemble Sensus in “Ut Musica Pictura“, concerto per i cinquecento anni dalla scomparsa di Raffaello. 

26. Festival d’Autunno: Peppe Servillo e il Solis String Quartet con il loro nuovo spettacolo “Presentimento” si fanno interpreti della canzone napoletana, tra tradizione e modernità, raccontando le storie di una città singolare e di un’umanità plurale. Con gli archi dei Solis, Servillo propone una lettura elegante e accessibile di capolavori Da Gil a Viviani, da E.A. Mario a Cioffi/Pisano, da “Scalinatella” a “Mmiez’o grano” a “M’aggia cura”, la lista di autori e canzoni testimonia l’entità di uno spettacolo, sempre in bilico tra musica e teatro. 

  • Baner Ehome

© 2001-2021 ANNUARIO DEL CINEMA - TUTTI I DIRITTI RISERVATI
Centro Studi di Cultura, Promozione e Diffusione del Cinema
Presidente Alessandro Masini
Corso di Francia 211 - 00191 Roma
P.IVA 04532781004

La Direzione stabilisce insindacabilmente di inserire, rimuovere, oscurare, modificare, immagini e testi dal sito, a propria discrezione.

Informativa sull'utilizzo dei Cookies